Crea sito

Storia

La Fiat nasce nel 1899 dalla comune volontà di una dozzina tra aristocratici, possidenti, imprenditori e professionisti torinesi di impiantare una fabbrica per la produzione di automobili.

Questa idea era venuta da due amici Emanuele Cacherano di Bricherasio e Cesare Goria Gatti  che avevano precedentemente costituito e finanziato la "Accomandita Ceirano & C.", finalizzata alla costruzione della "Welleyes".

Visto il successo ottenuto dalla "Welleyes" alla sua presentazione, Bricherasio e Gatti proposero ad un gruppo di conoscenti di acquisire le esperienze, le maestranze e la competenza della "Accomandita Ceirano & C." per trasferirle su scala industriale.

Il gruppo dopo aver ottenuto l'appoggio finanziario del "Banco di Sconto e Sete" di Torino, si riunì a Palazzo Bricherasio per sottoscrivere l'atto di "Costituzione della Società Anonima Fabbrica Italiana di Automobili – Torino" era l'11 luglio 1899 I soci versarono un capitale di 800.000 lire in 4.000 azioni (circa 10 milioni di euro attuali) ed affidarono la presidenza a Ludovico Scarfiotti.

La prima vettura costruita dalla FIAT fu il modello "3½ HP", copia della "Welleyes" e prodotta in 8 esemplari nel corso del 1899.

La FIAT iniziò la costruzione del famoso stabilimento produttivo denominato Lingotto nel 1916 e lo fece entrare in funzione nel 1923.

 

Dopo un primo periodo di difficile sviluppo, segnato da diverse ricapitalizzazioni e da modifiche nella composizione del capitale azionario (non sempre in maniera pacifica ma anche sfociate in processi clamorosi per l'epoca), la proprietà della casa automobilistica viene assunta quasi integralmente da Giovanni Agnelli, che diventerà senatore durante il Fascismo e resterà a capo dell'azienda sino al termine della seconda guerra mondiale.

Dopo aver rischiato di perdere la proprietà dell'azienda per la propria compromissione con il regime fascista, Agnelli passa il comando a Valletta, non avendo nessun figlio erede. Valletta, si occupò di reggere per conto della famiglia Agnelli la Fiat.

Gianni Agnelli, nipote di Giovanni Agnelli, diventò presidente FIAT nel 1966 e lasciò la presidenza al raggiungimento del 75° anno di età, a causa delle norme statutarie.

La presidenza non fu stabile per 7 anni, dove,dopo la crisi del gruppo, divenne presidente Umberto Agnelli, fratello di Gianni Agnelli e dopo la morte di Umberto è la volta (2004) di Luca Cordero di Montezemolo. L'erede designato dalla famiglia Agnelli, John Elkann, è stato nominato vice presidente all'età di 28 anni e altri membri della famiglia fanno parte del consiglio di amministrazione. L'Amministratore Delegato è Sergio Marchionne, dal 1 giugno 2004.

Assetti societari

Grazie al boom economica nel 1978 la Fiat diventa spa holding sotto cui vengono raggruppate tutte le aziende del gruppo attive nel comparto automobilistico (Fiat, Lancia, Autobianchi e Abarth) ad eccezione della Ferrari che, insieme alla Maserati quando questa sarà rilevata dal gruppo torinese, fa capo direttamente alla holding, scindendo le attività collaterali in nuove ragioni sociali come Fiat Ferroviaria, Fiat Avio e Fiat Trattori. Nel frattempo anche tutta la produzione di veicoli industriali aveva perso la denominazione di Fiat per essere inglobata nel marchio Iveco.

Dopo la morte di Umberto ai vertici del Gruppo vengono nominati presidente Luca Cordero di Montezemolo, vicepresidente John Elkann ed amministratore delegato Sergio Marchionne, la squadra artefice di una profonda trasformazione culturale del Gruppo. Viene avviato un rigoroso piano di contenimento dei costi e di rilancio industriale che permette nel 2005 il ritorno all'utile netto per il Gruppo, che nel frattempo assume la denominazione ufficiale di Fiat Group.

Nel 2010 John Elkann viene nominato presidente di Fiat Group, succedendo a Luca Cordero di Montezemolo, nello stesso anno l'amministratore delegato Sergio Marchionne presenta il piano industriale del Gruppo relativo al quinquennio 2010-2014: il piano prevede lo scorporo da Fiat Group delle attività agricole, industriali e powertrain  per farle confluire nella nuova Fiat Industrial; contestualmente, per la gestione dei settori auto, componentistica, sistemi di produzione ed editoria, è prevista la creazione della nuova Fiat S.p.A. l progetto di scissione del Gruppo viene completato il 1º gennaio 2011; da questa data, John Elkann diventa presidente di Fiat S.p.A., mentre Marchionne assume le cariche di AD di Fiat S.p.A. e presidente di Fiat Industrial.

Acquisizione Fiat-Chrysler

La Fiat ha prelevato Chrysler per poter entrare nei mercati americani, provando ad incrementare le sue vendite di circa 10 milioni di auto l'anno. In 5 anni   la Fiat acquista Chrysler per circa 4.5 miliardi di dollari,facendo diventare la fiat un gruppo globale.

Con l'acqusizione di Chrysler, fiat automibilies si fonda con Chrysler, formando la nuova Fiat Chrysler Automobiles.  Il nuovo gruppo,ha sede legale in Olanda. La motivazione è che le azioni di maggioranza hanno un valore maggiore in sede di assemblea.Invece la sede legale è Londra, dove c'è il regime fiscale più basso d'Europa.

Con l'acquisizione di Chrysler, la Fiat acquista anche i marchi:

Jeep®,Chrysler,Dodge,Ram Truck,SRT®‚Äč

Marchi Fiat

Fiat-Ferrari

La Ferrari, fondata nel 1929 a Modena da Enzo Ferrari, entra a far parte del gruppo Fiat, nel 1969.La Ferrari, era in un momento di difficoltà, e non riusciva a sostenere la produzione di automobili da strada e la produzione di auto da corsa. Cosi, nel 1969, la Ferrari cedetta il 50% alla Fiat.

Fiat-Maserati    

L'azienda fu fondata il 1º dicembre 1914 a Bologna da Alfieri Maserati e all'inizio sviluppava auto per gare su strada.La fabbrica aveva soltanto 5 dipendenti e 2 erano i fratelli di Alfieri Maserati: Ettore ed Ernesto. Negli anni 70 la fabbrica era in crisi e fu ceduta ad Alejandro De Tomaso, che negli anni 90 la cedette a Fiat. Con questa cessione, la Maserati torna ad essere competitiva.

FIat-Alfa Romeo

L'Alfa Romeo fu fondata il 24 giugno 1910 a Milano. L'Alfa Romeo è appartenuta allo Stato italiano dal 1933 al 1986, quando è stata venduta al gruppo Fiat.

Fiat-Lancia

La Lancia è nata a Torino nel 1906 da Vincenzo Lancia per produrre auto di lusso e da competizione. Nel 1958 la Lancia fu ceduta alla famiglia Pesenti. Nel 1969, la famiglia Pesenti cedette la marca a prezzo simbolico al gigante torinese.

Fiat-Abarth

La Abarth, è un casa automobilistica italiana, fondata nel 1949 dall'ingegnere italo-austriaco Carlo Abarth. Nacque come scuderia sportiva e per la produzione di autovetture sportive. Attualmente l'azienda è una società controllata al 100% dalla Fiat Group Automobiles, acqusitata nel 2007